Igiene e prevenzione

Riguarda tutti i metodi utilizzati per combattere e prevenire le più comuni malattie della bocca: la carie e la malattia parodontale.

Le nostre Igieniste Dentali vi aiuteranno in modo professionale a seguire quelle norme elementari che ciascuno può mettere in pratica con successo a livello domestico, purché disponga di costanza e di buona volontà nel partecipare ai controlli periodici.

La prevenzione è indubbiamente la terapia a cui teniamo di più.
Soltanto con visite periodiche di controllo è possibile diagnosticare, e quindi intervenire precocemente, su patologie  asintomatiche, come la parodontite, o su carie ancora in fase iniziale. In effetti sono pochi i pazienti che sono in grado di accorgersi del progredire di una malattia subdola come quella parodontale.

Da più di 15 anni il nostro Studio si dedica alla terapia causale e chirurgica della parodontite, ma la prevenzione, tramite sedute periodiche di Igiene e Pulizia Dentale eseguite ogni 4 o 6 mesi, rimane comunque l’obiettivo principale.

Indispensabile per la riuscita e la durata di ogni tipo di terapia risulta comunque la collaborazione del paziente nell’attuazione della profilassi e della terapia domiciliare assegnata.

Infine, controlli costanti e ripetuti permettono la diagnosi precoce, e quindi il successo della terapia, di lesioni sospette neoplastiche o francamente tali, specialmente in pazienti a rischio quali i forti fumatori o in pazienti predisposti da determinate malattie croniche.

Le nostre visite quindi comprenderanno sempre il controllo dell’insorgenza di carie, malattie parodontali, lesioni mucose e ghiandolari, lesioni pre o para-neoplastiche, patologie delle articolazioni temporo-mandibolari.

Ecco le basi fondamentali della nostra prevenzione:

  • Igiene dentale professionale
  • Igiene dentale domestica
  • Igiene alimentare
  • Applicazione di sigillanti
  • Applicazione di fluoro
  • Visite preventive periodiche di controllo

F.A.Q.

A che età bisogna iniziare a lavare i denti ai bambini?

Il più presto possibile, già dopo l’eruzione dei primi dentini da latte e l’inizio dello svezzamento, che comporta un più lungo contatto con gli alimenti solidi e semisolidi dell’infanzia. E’ consigliabile iniziare strofinando una garzina sui dentini da latte, per poi passare gradatamente, con il tempo, all’uso dello spazzolino, visto dapprima come gioco e poi come strumento indispensabile per l’igiene personale. Bisogna sempre e comunque ricordarsi che se l’igiene orale non è importante per i genitori, facilmente non lo diventerà neanche per i figli.

Quante volte al giorno vanno lavati i denti?

I denti devono essere lavati ogni volta che si mangia, tenendo ben presente che oltre alla quantità è fondamentale anche la qualità del lavaggio.

Perché dopo la seduta dall’igienista i denti mi diventano sensibili e le gengive mi fanno male?

Se viene prescritta una seduta di igiene dentale professionale, significa che i denti sono ricoperti da una significativa patina di placca e tartaro, o che si è in presenza di tasche parodontali profonde (piorrea). Di conseguenza, a causa di questa patina, le gengive si sono infiammate. L’igienista a questo punto si trova a lavorare su gengive infiammate e sanguinanti ( ovvero delle ferite “aperte”) che quindi possono rimanere doloranti per qualche ora dopo la seduta. Inoltre la patina di placca e tartaro presente sui denti funziona da isolante agli stimoli termici, ma quando viene rimossa dall’igienista il dente si ritrova scoperto e più reattivo. Tutti questi fastidi scompaiono se il paziente mentiene una ottima igiene orale domiciliare impedendo ai batteri della placca di reinfettare le gengive; in caso contrario i disturbi permarranno per più tempo.

Appena fatta la pulizia dal dentista, i denti si stanno macchiando di nuovo; come mai?

L’igienista dentale, o il dentista, che ha eseguito il trattamento, può essere paragonato ad un autolavaggio: lava l’auto, ma in quanto tempo questa si sporca di nuovo dipende dalle strade che percorre l’automobilista e dalla cura che ha della sua auto. E’ importante seguire correttamente e diligentemente tutte le istruzioni impartite durante la seduta di igiene, nonché riesaminare con cura, con l’aiuto dell’igienista, le proprie abitudini alimentari, ridurre il fumo quando presente, eseguire una scrupolosa igiene domiciliare e tenere conto che anche alcuni dentifrici e collutori contenenti clorexidina sono in grado di macchiare i denti.